martedì 23 aprile 2019    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
La copertina
scheda

LUIGI MARIANO GUZZO


Istanze di liberazione nella comunità ecclesiale italiana


Presentazione di Giuseppe Silvestre

2013, pp. 96, 12x20

Isbn 978-88-8276-404-3, euro 7,00

dalla presentazione

Si possono individuare dei sintomi di liberazione in alcune figure e personalità cristiane che hanno operato nella contraddittoria realtà del mondo contemporaneo. Esse costituiscono una vera luce per un itinerario che si irradia verso il futuro. È quello che riesce a fare molto bene il giornalista Luigi Mariano Guzzo in questa pubblicazione. Nello specifico della storia e della società italiana ha cercato di delineare delle persone di spessore profetico che hanno saputo rispondere agli stimoli di liberazione. Non si sono chiusi di fronte a queste istanze, ma hanno dato un ulteriore impulso e ne hanno favorito la crescita. Questi profeti del nostro tempo e della nostra terra ci dicono che il Regno di Cristo diventa reale nella misura in cui esistono servi del Regno come loro che stanno dalla parte dei vinti, degli sconfitti e dei crocifissi della storia, come ci ricorda il Vangelo di Matteo (25,31-48). Questi uomini di Dio si sono lasciati condurre dallo Spirito, sono stati coraggiosi ad uscire dagli schemi, non si sono accontentati di salvaguardare lo statu quo delle cose, hanno saputo volare alto. Non si sono chiusi alla novità e alla creatività dello Spirito che si manifesta, spesso, nel dinamismo di tensione e di lotta, che sempre rinnova e ricrea. Partendo dagli ultimi e dai crocifissi, hanno indicato l’azione dello Spirito che opera dentro la storia per trasformarla e dirigerla secondo il progetto di Dio. Li ha guidati quello Spirito del Risorto che scuote e libera, evangelizza e spinge alla testimonianza. Hanno testimoniato la vera libertà, quella dello Spirito che è la forza dell’uomo che rinasce e si toglie dalla paura della morte, dal fatalismo, dalle dominazioni e dalla schiavitù. Questi profeti del nostro tempo, ci invitano a cogliere pienamente l’azione dello Spirito che, contrariamente agli schemi umani, procede sempre dal basso verso l’alto. Infatti, il popolo di Dio si forma a partire da coloro che non erano popolo mentre gli antichi, quelli che si basano sulle loro certezze, sono rigettati (Rm 9-11). E lo stesso Spirito ci assicura che il popolo riunito attorno ai discepoli si forma partendo da lontano: da quelli che non ci sono ed erano esclusi e che sono chiamati a restare (Gv 17, 20-21). Lo Spirito fa nascere di nuovo, ricrea e rinnova, costruisce partendo da quello che non c’è, dal vuoto e dal nulla, sa trarre la vita là dove non ci sono le condizioni. Lo Spirito, attraverso questi profeti del nostro tempo ci fa gustare le primizie della realtà escatologica che ci attende nella piena ed eterna comunione con Dio.
 Il breve profilo che Guzzo traccia per ciascuno di questi profeti del nostro tempo – Primo Mazzolari, Angelo Roncalli (Giovanni XXIII), Arturo Paoli, Ernesto Balducci, David Maria Turoldo, Lorenzo Milani, Carlo Carretto, Giuseppe Dossetti, Adriana Zarri, Tonino Bello, Pino Puglisi, Italo Calabrò e Carlo Maria Martini –, apre un sentiero che i cristiani devono intraprendere per un futuro di speranza. Ogni personaggio è come un pezzo prezioso necessario per comporre un unico mosaico. Il bello è che dalla specificità dell’annuncio di ciascuno (rinnovamento ecclesiale, politico, sociale educativo, promozione della vita, impegno per la pace, etica nell’economia, giustizia e salvaguardia del creato) viene un invito alla liberazione integrale dell’uomo. Il tutto trasmette un unico messaggio che ci parla della Chiesa così come Cristo l’ha sognata e come il papa Francesco la sta lentamente disegnando. Grazie quindi a Luigi Mariano Guzzo perché con questo scritto ci fornisce un pozzo a cui attingere per alimentare la nostra sete e un aiuto per consolidarci nel difficile cammino della testimonianza della nostra fede.

Giuseppe Silvestre

L'autore

Luigi Mariano Guzzo è nato a Catanzaro nel 1989, già consigliere nazionale della FUCI. Giornalista pubblicista, è direttore responsabile de «Il Ponte» periodico della Comunità parrocchiale “Madonna di Pompei” di Catanzaro. Collabora con: «Il Quotidiano della Calabria», il quindicinale «La Tecnica della Scuola» e «Missioni OMI», rivista dei Missionari Oblati di Maria Immacolata.
È già autore di diverse pubblicazioni; sulla tematica delle «istanze di liberazione» ha scritto il saggio La Teologia della Liberazione, una sfida per l’Occidente neo-pagano nel volume Per un approccio alle teologie del contesto, curato da Antonino Mantineo.

 

indirizzi2.gif

 

 

deguzza@tin.it